il cineforum LGBT + vol V – film di Carlotta Piccinini e Uri Schachter e Donato Luigi Bruni

OMOVIES@HOME  Cineforum di cinema omosessuale, transgender, questioning e + ( plus) per il suo quinto appuntamento del 2019, venerdì 8 marzo alle 21.00 parlerà del rapporto genitori figli attraverso il racconto di un amore materno con il film 13.11-2 El hijo de Fatima di Carlotta Piccinini che ha vinto il premio Miglior Cortometraggio Fiction all’undicesima edizione di OMOVIES.
Prosegue la riflessione sul rapporto genitori- figli con il cortometraggio vincitore di una Menzione Speciale per la sezione cortometraggi, Chutz di Uri Schachter. A conclusione della serata dedicata alla famiglia e ai rapporti genitori-figli sarà proiettato il mediometraggio Non riesco a dormire di Donato Luigi Bruni che ha ricevuto una menzione speciale all’undicesima edizione di OMOVIES.

Programmazione
Biblioteca Rainbow e della Legalità

Ass. i Ken – Rainbow Center Napoli,

via A. Genovesi, 36 ( nei pressi di piazza GB Vico)
h 21:00

  • 13.11-2 El hijo de Fatima di Carlotta Piccinini
  • Chutz di Uri Schachter
  • Non riesco a dormire di Donato Luigi Bruni

 

13.11-2 El hijo de Fatima di Carlotta Piccinini

Un corto di una grande semplicità ma allo stesso tempo emozionante, che si distingue in delicatezza e finezza. Il percorso di una madre, che dalla campagna del Marocco cerca suo figlio che è scappato. Un percorso intimo, che lo spettatore compie insieme alla protagonista. E il racconto di un processo delicato come può essere il passaggio da un sesso all’altro, che viene raccontato in modo significativo ma comunque efficace. Un’immagine forte : la reazione della madre, un sorriso. La gioia di ritrovarsi, oltre la questione del genere. Forza emozionale dell’accettazione della madre, l’amore più forte.

 

Chutz di Uri Schachter

Un corto che ha molto colpito il pubblico per la scelta del punto di vista e una diversa prospettiva rispetto a ciò a cui siamo abituati. Un adolescente scopre l’omosessualità del padre e ne prende le distanze, concedendosi il tempo di analizzare, riflettere e riadattare la sua visione e la sua quotidianità. Un pezzo di vita, contemplativa, come lo stato interiore del protagonista. Un’ introspezione interiore trattata con molto rispetto e delicatezza. A traverso il film, il regista israeliano Uri Schachter condivide un’ esperienza molto personale ed una visione del suo paese e pone domande fondamentali sull’identità di ognuno.

 

Non riesco a dormire di Donato Luigi Bruni 

Un mediometraggio di impatto perché riesce a raccontare servendosi del tema LGBT qualcosa di universale come l’amore che può arrivare quando e dove meno te lo aspetti. Per esempio, nella camera di due fratellastri i cui genitori divorziati si sono sposati. Il medio metraggio, per questo, si apre ad una riflessione più ampia, che riguarda non solo l’amore omosessuale ma anche il continuo confronto con la struttura sociale della famiglia che in alcuni casi come nella storia raccontata da Bruni, può essere destrutturata.

 

 

 


OMOVIES @ HOME Cineforum of homosexual cinema, transgender, questioning and + for its fifth appointment in 2019, Monday 4 March at 9.00 pm will talk about the relationship between parents and children through the story of a maternal love with the film 13.11-2 El hijo de Fatima by Carlotta Piccinini who won the Best Short award at the eleventh edition of OMOVIES and the award for best actress in Mona Ambegaonkar.
The reflection on the parent-child relationship continues with the short film winner of a Special Mention for the short film section, Chutz by Uri Schachter. At the end of the evening dedicated to the family and parents-child relationships will be shown the short film Non riesco a dormire by Donato Luigi Bruni who received a special mention at the eleventh edition of OMOVIES.

 

Programming

Rainbow Center Napoli, via A. Genovesi, 36
h 21:00 ingresso gratuito per i soci o possessori di carta socio sostenitore ( info 3938954224)

  • 13.11-2 El hijo de Fatima by Carlotta Piccinini
  • Chutz by Uri Schachter
  • Non riesco a dormire by Donato Luigi Bruni

 

13.11-2 El hijo de Fatima by Carlotta Piccinini

An essential and very emotional short movie, that distinguishes itself for the delicate and simple way it deals with the subject. The journey of a mother, who leaves Marocco’s countryside in search for the son who ran away. A personal journey and discovery, that the spectator follows along with the mother. The story of a delicate process, as lived by relatives, is told in a very significant and efficient way. A strong picture : the reation of the mother, a smile. The joy of being reunited, whatever and beyond gender. The figure of the mother as incredibly emotionally strong, who accepts and proves that love wins always.

Chutz by Uri Schachter 

A short movie that moved the audience by its unique and innovative point of view, offering a new perspective on the familiar topic of coming out. A teenager discovers his father’s homosexuality and takes some distance, some time to reflect and readjust the vision he has on his own world. This short describes a piece of life in a contemplative way, reflecting the internal state of the character. An intimate introspection filmed delicately and with respect. With this short film, the director Uri Schachter from Israel shares a very personal experience and a vision of his own country and asks fundamental questions about identity.

 

Non riesco a dormire by Donato Luigi Bruni

This medium-lenght film leaves a strong impact because it succeeds in using the LGBT theme to tell a universal story of love, and how love can happen when and where the least you expect it. And for example, in the room shared by two “brothers”, whose divorced parents got together. A wider questioning arises, involving not only homosexual love but also the whole family and society contest and role, that sometimes, like in this film, are broken apart and reinvented.

cineforum LGBT – omovies at home Napoli vol IV film di Daniele Sartori e Leonardo Goddinho

OFF 2018 date rainbow-02

OMOVIES@HOME  Cineforum di cinema omosessuale, transgender, questioning e + per il suo quarto appuntamento del 2019, lunedì 25 febbraio alle 21.00  parlerà dell’amore e della difficoltà di espressione dei sentimenti con il cortometraggio in programmazione L’appuntamento di Daniele Sartori, vincitore della terza edizione di OMOVIES Sartori,ha trionfato al festival di Napoli vincendo col suo film:

  • miglior corto,
  • attore,
  • sceneggiatura,
  • fotografia,
  • Premio Diritti Umani,
  • Premio Mediateca S. Sofia.

Il cineforum proseguirà poi con la proiezione di The World is Round I Refuge e The World is Round II The Kiss di Leandro Goddinho che, oltre a raccontare di una grande storia d’amore inserisce quest’ultima all’interno di un problema di forte attualità, la migrazione e tutte le difficoltà ad essa legate.

Programmazione

– L’appuntamento di Daniele Sartori
– The World is Round I Refuge
– The World is Round II The Kiss di Leandro Goddinho


OMOVIES @ HOME Cineforum of homosexual cinema, transgender, questioning and + for its fourth round of 2019, Monday, February 25, will talk about love and the difficulty in expressing feelings with the short film in programming The appointment of Daniele Sartori, winner of the third edition of OMOVIES Sartori, has triumphed at the Naples festival winning with his film:

best short,
actor,
film script,
photography,
Human Rights Award,
S. Sofia Media Library Award.
The film will then continue with the screening of The World is Round The Refuge and The World is Round II The Kiss by Leandro Goddinho that, in addition to telling a great love story, inserts the latter into a problem of strong topicality , migration and all the difficulties related to it.

Programming

– The appointment of Daniele Sartori
– The World is Round I Refuge
– The World is Round II The Kiss by Leandro Goddinho


 

appuntamento_daniele_sartori3L’ Appuntamento di Daniele Sartori.
Il corto rappresenta una voce originale ed interessante nella rosa dei cortometraggi in concorso. Il regista ha diretto con padronanza i bravissimi attori, e ci ha presentato una storia che, muovendosi in un ambito noir ricco di suspense, ha offerto una possibilità di riflessione allo spettatore. Infatti, realizza una messinscena che, pur lontana dalla pratica effettiva della psicoanalisi, ci svela come il vero oggetto del desiderio del protagonista non è quello che lui consapevolmente crede, ma quello che emerge dal suo inconscio. Questo film è apprezzabile anche perché, illustrando il problema del riconoscimento effettivo del proprioo desiderio, si inscrive appieno nel questioning, ambito cui il festival Omovies ha da sempre riservato un notevole spazio e che, allargandone i confini, lo ha distinto dagli altri festival di cinema gay.


The Appointment by Daniele Sartori.
The short represents an original and interesting voice in the short film of the short films in competition. The director has mastered the talented actors, and presented us with a story that, moving in a noir-rich noir environment, offered a chance for reflection to the spectator. In fact, he realizes a staging that, while far from the actual practice of psychoanalysis, reveals to us how the true object of the protagonist’s desire is not what he consciously believes, but what emerges from his unconscious. This film is also appreciable because, by illustrating the problem of the actual recognition of one’s own desire, it is fully inscribed in the questioning, an area where the Omovies festival has always reserved a considerable space and which, by widening its borders, has distinguished it from other film festivals gay.


 

The world is round so that nobody can hide in the corners” parte 1 e 2 Leandro Goddinho

Un documentario fondamentale perché affronta due problemi attuali e ancora irrisolti come l’immigrazione e l’accettazione dell’omosessualità in un paese come la Nigeria dove sia ancora legati al concetto arcaico della sessualità. Dal racconto particolare di un ragazzo africano, la riflessione si può estendere all’universale poiché questo problema riguarda tutto il monde. Da un punto di vista visivo, le scene sostengono la narrazione con immagine simboliche come può essere quella delle rotaie del treno che rappresentano il cammino del protagonista o questa piscina vuota usata come se fosse una discarica, simbolo dei detratti del’animo umano che ha subito tanto dolore.


 

Leonardo Goddinho: The World Is Round

A fundamental documentary because it addresses two current and still unresolved issues such as immigration and the acceptance of homosexuality in a country like Nigeria where it is still linked to the archaic concept of sexuality. From the particular story of an African boy, reflection can be extended to the universal because this problem concerns all the world. From a visual point of view, the scenes support the narration with a symbolic image as can be that of the train tracks that represent the path of the protagonist or this empty pool used as if it were a landfill, symbol of the detriment of the human soul that suffered so much pain.

 

 

Resize of Poster - The-world-is-round-so-that-nobody-can-hide-in-the-cornerspart-I_-Refuge

OMOVIES@HOME – Terzo appuntamento

LOGO OMOVIES

OMOVIES@HOME  Cineforum di cinema omosessuale, transgender, questioning e + parla del mondo delle donne per il terzo appuntamento del 2019 con due film in programmazione
Progammazione

El Mundo Entero di Julián Quintanilla
Finzione |30 | Mediometraggio| Spain | 2017

El casamiento di Sergio Rey e Víctor Quintero
Finzione | 25 | Mediometraggio | Spain |2017

Al  Rainbow Center Napoli in via Antonio Genovesi 36, alle 21.00 si parlerà di femminile nella terza giornata del Cineforum dedicata al mondo delle donne.

El Mundo Entero è stato premiato come Miglior Mediometraggio OMOVIES 2017

Come ogni anno, Julián visita sua madre defunta, La Chary, nel cimitero del villaggio. Durante questi incontri lei gli appare e loro fanno piani più o meno “insieme”. Ma quest’anno, Julián riceverà una richiesta molto speciale da sua madre che sorprenderà – il mondo intero.

Dirlo al mondo intero è il primo pensiero che spesso facciamo quando pensiamo di comunicare una bella notizia. Coming Out, questo film ha saputo raccontare in modo ironico e allo stesso tempo incisivo di quanto sia importante il sostegno delle famiglie e degli amici per una persona LGBT quando si trova ad affrontare “ Il Mondo Intero”. Una sceneggiatura articolata combinata con una fotografia semplice ed efficace che hanno saputo comunicare in modo attento il messaggio culturale e sociale. Il mondo intero è un film che ha avuto la capacità di trattare più argomenti insieme riuscendo perfettamente nella sintesi.

El casamiento racconta del giorno più importante nella vita di Suso e Ricard, il loro matrimonio. Il coronamento di un sogno d’amore avvenuto dopo molti anni di relazione. Ricard viene da una famiglia catalana di stirpe rancida, Suso da un’umile famiglia di La Mancha. Entrambe le loro famiglie sono felici del matrimonio tranne qualcuno: Adela, la nonna di Suso sarà presente alla cena ma ignara di partecipare al matrimonio di suo nipote

Miglior Lungometraggio Fiction per OMOVIES 2014 #OFF2014

Vince il premio come miglior Lungometraggio Fiction per OMOVIES 2014

Il rosa nudo (Italia 2013 – 65’04”) – Regia Giovanni Coda

SINOSSI
Il Rosa Nudo racconta la storia spesso dimenticata delle vittime GLBT, di odio e discriminazione nella Germania nazista. Bollati come deviati sessuali e inviati nei campi, vittime del cosiddetto “Homocaust” sono stati incarcerati, torturati, e uccisi nei campi di concentramento a fianco degli ebrei, rom, credenti e attivisti politici di tutte le bande.

MOTIVAZIONI
La conoscenza prima di tutto. Con questo film il regista ha il coraggio di raccontarci con stile evocativo una delle orribili storie dell’umanità,spesso rimosse dalla coscienza civile, quella dei gay torturati e uccisi nei lager nazisti. Grazie a Jo Coda

 

TRAILER

 

Miglior Mediometraggio Fiction per OMOVIES 2014

Vince il premio come miglior Mediometraggio Fiction per OMOVIES 2014

Le malliot de bain. ( Francia- 2013- 20′) – Regia Mathilde Bayle

SINOSSI
In vacanza in un campeggio in riva al mare Rémi,che 10 anni è affascinato da Stéphane, che ne ha 35 ed è il padre di uno dei suoi compagni di gioco. Quello che prova è per lui un sentimento nuovo che lo confonde . Nessuno sa quello che sta attraversando – soprattutto il bel Stéphan….

MOTIVAZIONI
Per aver saputo raccontare con delicatezza e verità i sentimenti nuovi e sconosciuti di un ragazzino nei confronti di un adulto.

Miglior Cortometraggio Fiction per OMOVIES 2014

Vince il premio come miglior Cortometraggio Fiction per OMOVIES 2014

Intrinsic Moral Evil (Olanda 201 3- 10’46’) – Regia Harm Weistra

SINOSSI
“lntrinsic Moral Evil ” sembra essere una storia di identità e raggiungimento della maggiore età. Ma soprattutto, i tre danzatori si divertono a giocare con la percezione e le aspettative dello spettatore. La storia si sviluppa gradualmente, rivelando i suoi ultimi segreti poco prima dei titoli di coda. Lasciando il pubblico in confusione; invitandolo ad elaborare la propria interpretazione.

MOTIVAZIONI
Una intensa regia ci ha saputo raccontare con tre danzatori ricordi e sogni che portano a raggiungere e svelare la propria identità.

Miglior Cortometraggio Documentario per OMOVIES 2014

Vince il premio come miglior Cortometraggio Documentario per OMOVIES 2014

Mama. please forgive me (Stati Uniti- 2014- 1O’01” ) Regia lbai Virgil – Escalera

SINOSSI
Breve documentario intimo girato a New York. L’autore raccoglie le testimonianze di un giovane uomo che ha problemi ad affrontare la vita. “E ‘una guerra, c’è una guerra nella mia mente e non vorrei che nessuno l’attraversasse”.

MOTIVAZIONI
A volte basta un semplice gesto, chiedere perdono, per essere capiti, per capirsi e condividere le emozioni.

Miglior Cortometraggio di Animazione per OMOVIES 2014

Vince il premio come miglior Cortometraggio di Animazione per OMOVIES 2014

Scroscio d’amore (Italia 2014- 5’32”) – Regia Maria Balzarelli

SINOSSI
S’incontrano, s’innamorano, ma non è il loro momento. Le loro strade si separano, per anni vivranno come cuori smarriti alla ricerca del loro posto nel mondo. In una notte piovosa di luglio s’incontrano di nuovo …uno scroscio estivo diventa complice del ritrovarsi, accompagna la consapevolezza dell’amore ancora presente e troveranno finalmente il momento per viverlo. Il film è il racconto di quella notte.

MOTIVAZIONI
Un breve racconto animato che ha saputo raccontare come affrontare le difficoltà per giungere all’Amore.

OMOVIES gran galà, sabato 13 dicembre 2014

Sabato 13 dicembre 2014 alle ore 20.00 presso L’Institut Français di Napoli, via F. Crispi 86, ci sarà il gran galà di chiusura della 7ª edizione del Festival Internazionale di Cinema Omosessuale e Questioning OMOVIES.

posti limitati – ingresso su prenotazione – 339.62.15.147 – 2014@omovies.it

Maria Bolignano: “Omovies un’opportunità per fare passi avanti”

Sono molto contenta di essere stata chiamata da Carlo Cremona, ho avuto l’opportunità di conoscere tutto ciò che gira intorno alla manifestazione. Che ha molto a che fare con l’integrazione e l’associazionismo, elementi che ho sempre avuto molto a cuore. Ho apprezzato anche il fatto che non si tratti di una rassegna di cinema gay, nel senso letterale, ma al contrario di un evento che mira a richiamare quella che è la discriminazione sessuale e sulle difficoltà che ancora oggi vengono incontrate in diversi campi da chi compie una scelta sessuale di tipo diverso. Diverso da cosa, poi, non saprei. É quindi un modo per sostenere tutto ciò che riguarda la libertà di pensiero, d’espressione, di vivere la propria sessualità dunque la propria vita, perchè la sessualità fa parte del modo di essere. Durante il Galà – che sarà comunque un momento di divertissement – ci sarà anche modo di raccontare alcune storie dal punto di vista di chi ha dovuto lottare per poter esprimere non solo la sessualità ma anche l’amore gay. Che in fondo è la voglia di stare insieme, al pari di qualsiasi altro, senza dover perdere il lavoro.

Leggi l’intervista a Maria Bolignano