L’invito è alla militanza, partecipare accresce la cultura e la democrazia. Potete venite gratis ad Omovies grazie ad i Ken ed alla Regione Campania

Ho sempre lasciato che le cose accadessero spontaneamente, forse sbagliando e forse credendo che il mondo accanto a me percepisse l’immane fatica nel realizzare un attivismo rinnovato, moltiplicando i centri di interesse, e costruendo accanto alla passione astratta per i diritti, un sistema di servizi e di valori capaci di proteggerli. Hanno spesso frainteso questo mio desiderio paterno di costruire qualcosa che mi narrasse con una voglia di potere. Sbagliavano. Oggi più che mai sento l’angoscia proveniente dalla paura di una società capace di tornare sui propri passi, spaventata dal futuro reale e da quello digitale. I diritti sociali appaiono secondari ed effimeri rispetto a quelli del lavoro che si deperisce, della salute che si privatizza e della competizione tra i poveri che cresce. Nonostante questo faccio Omovies perché è una resilienza al nero che avanza e che inghiottisce tutto e tutti in uno schema semplice e di poche parole la cui più celebre è PRIMA IO. Io, puro, normale, tradizionale, bianco, occidentale… e dopo gli altri, le minoranze, le differenze, le esistenze fastidiose. Ecco perché sento che è anche resistenza, non tanto al fascismo che non esiste come tale, ma agli stessi valori ed agli stessi metodi che cagionarono prima accusati, poi incarcerati e poi lasciati morire nell’indifferenza proprio come qualche volta è capitato a persone dalla pelle scura nel mezzo del mediterraneo. Tutti ed altri temi come questi sono in Omovies, che vanta un film in concorso che proviene da un paese in cui l’autore ha rischiato la vita solo per averlo girato ed il cui sogno è immaginare un pubblico a fruirne i fotogrammi. Omovies è militanza, è esistenza ed è resistenza all’omofobia ed alla ignoranza di un popolo che difendo con la mia vita e attraverso la mia felicità e dal quale non mi aspetto altro che utilizzi la gratuità di un evento per guardarsi negli occhi degli altri, per riflettere su se stesso o se stessa e per capire nel mondo come si vive rispetto a dove viviamo noi. Dunque annulla i tuoi impegni, quelli che potrai rimandare, perché questa opportunità è unica ed accade una volta l’anno. Non perderla, rigenerati al Made in Cloister con Omovies, con Giuseppe Bucci e con Vittoria Schisano. Siediti su quella maledetta sedia e socializza il tuo attivismo contro il bullismo omofobico nelle scuole e poi guardati qualche film, discutiamone insieme… confrontiamoci in movimento. perché solo così il pesce piccolo non è mangiato da quello grande, se rimane in banco e conta sull’unità che nasce della umanità.

Carlo Cremona

direttore artistico di Omovies Film Festival

presidente i Ken ONLUS

Napoli, parte OMOVIES: è il momento di sognare. Il Natale al cinema è a (colori)

OFF2È arrivato alla sua decima edizione OMOVIES Film Festival, tra i più rinomati festival di cinematografia LGBT in Italia, che si svolge ogni anno a Napoli. Quest’anno, dal 13 al 15 dicembre, i protagonisti saranno soprattutto storie sui diritti umani. I due focus principali, approfonditi attraverso 50 proiezioni da 15 nazionalità diverse e incontri con ospiti internazionali, sono la battaglia per i diritti della comunità LGBT e l’emancipazione della donna, in un paese in cui l’omosessualità è tutt’ora illegale e le donne lottano quotidianamente per affermare la propria indipendenza.

Napoli, dicembre 2017 – In scena dal 13 al 15 dicembre 2017 OMOVIES, il Festival di Cinema Omosessuale, Transgender e Questioning promosso dall’Associazione di Promozione Sociale i Ken ONLUS associazione LGBT (Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transgender) ideato da Carlo Cremona e Marco Taglialatela di cui sono soci fondatori. OMOVIES è socio fondatore delCFCC (Coordinamento dei Festival Cinematografici della Campania) ed è Partner di I-LanD Centro di Ricerca Interuniversitario è una convenzione tra studiosi provenienti da diverse università italiane e straniere che condividono interessi comuni di ricerca in ambito linguistico e sociale con un focus specifico sui concetti di diversità e identità (linguistica, culturale e di genere).

OMOVIES Film Festival è lo spazio ideale dove prendere parte attivamente al contrasto delle discriminazioni attraverso un percorso di formazione ed informazione fatto di immagini, suoni, parole ed emozioni; l’Arte del Cinema intesa come elemento di coesione sociale interculturale.

Un progetto che nasce con particolare attenzione alle fasce sociali maggiormente esposte all’auto esclusione sociale.

L’evento si rivolge ai giovani ed alle persone nell’età della maturità, alla terza età e vuole parlare di temi che riguardano l’umanesimo ed i temi del pregiudizio e della persecuzione verso le persone omosessuali e transessuali.

Il grande valore culturale e sociale all’iniziativa sarà dato dalle tante partecipazioni di personalità del mondo del cinema, della tv e del teatro che negli anni hanno partecipato arricchendo numerosi eventi e dibattiti.

Vogliamo mostrare l’amore e le sue differenze  ha dichiarato Carlo Cremonadirettore artistico del festival – creare aggregazione sociale (partendo da quella giovanile) un luogo di riflessione, condivisione e sviluppo, che diviene opportunità di contaminazione tra giovani e meno giovani, tra giovani omosessuali, transessuali ed eterosessuali, tra uomini e donne che condividono i valori Costituzionali e della Pace.

Il festival cinematografico ed il concorso per cortometraggi sono un evento di promozione territoriale per la Campania e per le città in cui si realizza e che rafforza l’immagine della regione come territorio accogliente per le persone e per le famiglie LGBT e che favorisce una “cultura dell’amore” come strategia e antidoto alla subcultura dell’odio razziale e della discriminazione.

OMOVIES si conclude con l’evento Gran Galà, il 16 dicembre e che suggella le molteplici iniziative ed eventi collaterali che accompagneranno il festival e che ne completano il valore di diffusione del valore di comunicazione culturale cinematografica.

Anche quest’anno tutte le opere in concorso sono state utilizzate da circa 60 studenti e studentesse in 2 università che hanno potuto esercitarsi in traduzione verso l’italiano grazie alla guida di 6 docenti, coordinati dal prof. Giuseppe Balirano dell’Università Orientale.

L’Accademy di inTranslation è presieduta, in questa decima edizione dalla prof.ssa Delia Carmela Chiaro Professoressa ordinaria Dipartimento di Interpretazione e Traduzione – Università di Bologna Settore scientifico disciplinare.

Istituzione del premio Vincenzo RUGGIERO

Prima edizione a:

Cortometraggio – Lettera a sua Figlia di Giuseppe A. Nuzzo con Leo Gullotta

Lungometraggio – A effetto Domino di Fabio Massa con Pietro de Silva, Cristina Donadio ed altri.

Il tema è quello della morte, della malattia invalidante della cura che trasversalmente colpisce chiunque, anche molte persone LGBT che accudiscono, patiscono l’invalidità dei propri familiari a cui, casomai non hanno mai detto tutta la propria verità. A loro è dedicato a chi soffre con dignità a chi accudisce con sacrificio e amore.

Il Gran Galà di Omovies sarà presentato da Priscilla Drag Queen, personaggio celeberrimo inventato ed animato dall’istrionico Mariano Gallo

 Copertina FB pagina OFF10 2

Media Relations

Giuseppe Giulio

ggiulio.press@gmail.com

Vi invio con la consueta preghiera di pubblicazione comunicato e foto.

Credits photo: Ufficio Stampa

 Il Trailer http://bit.ly/2z1ce4c

locandina omovies 2017 web

D&G, aiutateci a costruire una RAINBOW Film & Video Factory #MadeinNaples

cropped-IMG_0417-cc-1.png

08 Luglio , 17 : 29 (ANSA) – NAPOLI, 8 LUG

“Chiediamo a Stefano e a Domenico prima che a D&G, di dare un segnale forte sia a Napoli che alla comunità LGBT della quale siamo a servizio, di come possano sostenere attività culturali importanti come Omovies, il Festival di Cinema Omosessuale Transgender e Questioning“. Lo afferma in una nota Carlo Cremona presidente dall’associazione di promozione sociale i Ken che organizza la rassegna cinematografica a Napoli.

Cremona sottolinea:

i Ken – dice – è orgogliosa che due persone di successo come Stefano Gabbana e Domenico Dolce protagonisti di questa bella iniziativa che si svolge a Napoli per il marchio D&G, e noi diamo loro il benvenuto come comunità LGBT” Cremona invita di due stilisti, che in questi giorni sono a Napoli per celebrare il trentennale della loro maison, “a incontrarci e sostenere economicamente il Festival e una LGBTQ video factory delle produzioni innovative e delle culture delle differenze. Mettiamola a disposizione degli autori alle prime esperienze e che sono alla ricerca di produzioni”.

Il presidente di i Ken invita anche Dolce e Gabbana e Domenico a tornare a Napoli “il prossimo dicembre conoscere Omovies 2017 per rivedere insieme a Sofia Loren, “Una giornata particolare“.(ANSA). Y7W-CER/BOM

Leggi tutta la lettera qui

 

cropped-manifesto-web-fb-2.png

Maratona Cinema – I festival a Napoli

a settembre a dicembre 2015

Riparte la stagione dei festival di cinema a Napoli

foto conf. stampa cfccL’Assessorato alla Cultura e al Turismo è ancora una volta lieto di accompagnare e promuovere lo sforzo di coordinamento che i vari organizzatori continuano a portare avanti con passione e energia dopo la prima esperienza di rete dello scorso anno. Obiettivo comune è la diffusione della cultura cinematografica quale mezzo di conoscenza e approfondimento non solo artistico, ma anche sociale, antropologico, politico, di attualità, tramite opere che offrono nuovi sguardi e occasioni di riflessione tralasciate dai circuiti commerciali.
Da settembre a dicembre, in un’ideale maratona della durata di circa ottanta giorni, ci sarà un programma unico di eventi pur conservando ciascun festival la sua identità e cifra stilistica.
Inizia il Napoli Film Festival (XVII edizione), il 28 settembre, con un omaggio al regista dell’anno, il napoletano Mario Martone, organizzando  una serata incontro con il pubblico e una retrospettiva a lui dedicata. Previsti altri ospiti importanti quali il regista Francesco Munzi, e Marco Risi, Libero de Rienzo e Andrea Purgatori per ricordare il giornalista Giancarlo Siani a trent’anni dalla sua uccisione. Il NFF cederà idealmente la staffetta a Artecinema che inaugura la sua 20ª edizione il 22 ottobre al Teatro San Carlo con i film in prima nazionale Art War di Marco Wilms sull’arte dei graffiti come unico strumento di contestazione in Egitto, durante la primavera araba e il film Jeff Koons: Diary of a Seducer di Jill Nicholls attraverso
il quale si seguirà uno dei più controversi artisti del nostro tempo durante la preparazione delle recenti mostre al Whitney Museum di New York e al Centre Pompidou di Parigi.
Venezia a Napoli. Il cinema esteso si terrà dal 22 al 25 ottobre 2015.
La quinta edizione della rassegna cinematografica proporrà in numerose sale del capoluogo campano una selezione di film tra le opere presentate all’ultima Mostra Internazionale di arte cinematografica di Venezia. Cinematografie lontane, film in lingua originale, dialoghi con i protagonisti. Evento di punta, in esclusiva nazionale, la proiezione del film Rabin, the last day, del maestro israelianio Amos Gitai, il 2 ottobre alle 20.30 al Cinema Metropolitan, serata in collaborazione con il NFF; per l’occasione, l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli consegnerà al regista un attestato di benemerenza.
Il Festival del Cinema dei Diritti Umani (VIII edizione) si svolgerà dal 9 al 14 novembre in vari luoghi della città per proporre, attraverso proiezioni, incontri e testimonianze, l’idea di “Napoli, Capitale dei Diritti Umani”, un obiettivo ambizioso che rende omaggio alla cinematografia dei popoli in cammino verso la democrazia.
Il Festival del cortometraggio ‘O Curt, dal 18 al 21 novembre, offrirà una finestra sul mondo del cinema breve con le sue cinque sezioni competitive e opere provenienti da tutti i continenti; il
meglio della produzione internazionale a cura degli Istituti di Cultura; ospite di quest’anno il regista culto Victor Erice.
OMOVIES il primo Festival LGBTQ (Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transgender e Questioning) del Sud Italia, parla d’amore e delle sue differenze. L’aspetto originale è il Questioning, che vuol dire porsi domande riguardo un tema, elemento chiave di apertura e condivisione delle tematiche LGBT. Si svolgerà nel mese di dicembre, preceduto daOMOVIES@SCHOOL, rassegna  educational contro il bullismo.

continua la lettura sul sito del Comune di Napoli


MaratonaCinema_427x327_ok_bz

DAVID DI DONATELLO – VOTA E SOSTIENI il corto “UNA NOTTE ANCORA” di G . Bucci

 “UNA NOTTE ANCORA” film a tematica gay già VINCITORE  di O.f.f. 2012

Possiamo portare un film gay alla notte dei DAVID DI DONATELLO -( prestigioso premio di cinema italiano) OCCORRE IL NOSTRO VOTO.

WE NEED YOU TO VOTE to promote a gay film at “The DAVID DI DONATELLO -” film contest (the prestigious Italian movie price)

clicca qua clic here




  1. nell’angolo in alto a destra o nel rettangolo sotto al video
  2. clikka VOTA QUESTO CORTO
  3. inserisci tuo nome ed email
  4.  arriverà mail in cui dovete clikkare “Clicchi qui”
  5. inserite numero di cellulare
  6. nell’ultima pagina inserite il codice di 8 cifre arrivato via sms

procedura apparentemente laboriosa ma semplicissima per far arrivare “Una notte ancora” alla notte dei David di Donatello contiamo su di te

—— Leggi tutto

Casalnuovo VMFF – il direttore di OMOVIES premia il vincitore

Casalnuovo 25 apr. -Nella veste di componente di giuria del  VMFF ho appena consegnato il premio al regista del corto vincitore del Videomaker film festival.

VINCE Il Passo della Lumaca (2013), di Daniele Suraci.

 

Con Matilde Corapi, Jaime Rinaldi, Eleonora Russo, Anita Sorrentino, Marta Suraci.

 

Il Passo della Lumaca